Il colle Guasco è storicamente rappresentativo per la città di Ancona. Percorrendo via Pizzecolli, anticamente chiamata via maestra, si arriva fino alla cattedrale di San Ciriaco. Lungo questa via è situata una delle più belle piazze di Ancona, la Piazza San Francesco dal nome della sua chiesa dallo splendido portale, incompleto e quindi ancora più affascinante, dello scultore Giorgio da Sebenico.

Il caffè, situato ad angolo tra via pizzecolli e Piazza San Francesco prende quindi nome dal colle Guasco. E il sottotitolo "Caffè di Quartiere" ne sottolinea l'ambizione di essere un locale di riferimento per tutta la parte alta del centro storico di Ancona. I locali fanno parte del Palazzo Ricotti, (XVIII sec.) sorto su edifici preesistenti risalenti ad epoca medioevale, come testimonia il bellissimo arco ogivale. Il recupero degli ambienti attraverso la nuova funzione di pubblico esercizio ha valorizzato l'ingresso principale su piazza san francesco vista anche la vocazione estiva degli spazi esterni.

Lo spazio interno è di per sè affascinante e gli arredi sono nati con l'idea di creare un luogo che desse l'impressione di essere sempre esistito. I nuovi infissi in ferro finestra, il rivestimento in legno e i pavimenti in cemento colorato riprendono i toni caldi degli intonaci a calce usati per il recupero delle volte. La pietra di San Giorgio spazzolata è stata usata in grandi lastre sagomate per le imbotti e per il passaggio al piano rialzato che ospita i servizi. I  tavolini in ghisa, il legno e la paglia delle sedie di Wegner, le luci pieghevoli in applique, gli specchi ambrati  e il grande lampadario circolare di Chipperfield per Fontana Arte, tentano di creare un'atmosfera intima che avvicina la belle epoque al medioevo del colle guasco.

I proprietari hanno sposato a pieno l'obiettivo prefissato dai progettisti ed entrando in sitonia col luogo hanno voluto ampliare il Caffè aprendo una sala adiacente a due anni dall'apertura del locale. La sala, in continuità col locale è caratterizzata dai toni rossi del pavimento in cotto esistente che attraverso una zoccolatura perimetrale cinge la spazio dedicato ai commensali. Le pareti sono interamente rivestite con pannelli in legno dedicati all'affissione di manifesti e locandine curata elegantemente dai gestori. Le luci in ferro, volteggiano libere nella doppia altezza del locale, richiamando atmosfere da bistrot europeo. Gli eleganti arredi di recupero della proprietaria regalano un fascino domestico ed esclusivo ai commensali.

Categorie
Hotel-Commercio  , Interni  
Comune
Ancona
Committente
privato
Programma

Ristrutturazione di un bar/pubblico esercizio in piazza San Francesco

Dimensioni
90 mq
Cronologia
2013-2015