Un luogo storico ha migliaia di anime che lo hanno attraversato nei secoli. E un locale affascinante come quello di Via Matas 54 aveva solo bisogno di far emergere dall’ombra l’anima che più si addiceva al pensiero dei nuovi gestori. Un luogo giovane e informale, facile ma non banale, dove sentirsi a proprio agio, un luogo anche internazionale, un pò “hipster” e pronto ad accogliere chiunque.

Il ruolo del nostro studio è stato di far emergere quest’anima tentando di generare e comunicare una nuova esperienza urbana e gastronomica che fosse in grado di prendere l’avventore dalla strada e trasportarlo in un nuovo mondo.

L’immagine è rinnovata già sulla via, il vecchio portone in legno esistente è sostituito da una nuova grande porta bilico trasparente e dall’ingresso si scorge la nuova distribuzione interna e la grande scritta a tubo neon sul fondale della prima sala.

La vera sfida di questo progetto è stata infatti soprattutto appropriarsi e caratterizzare la prima sala che, da sempre, è stata solo luogo di passaggio, mentre oggi diventa il cuore pulsante del locale.

Una nuova parete in ferro grezzo la taglia in diagonale, scandisce lo spazio dedicato alla cucina, nascondendone alcune parti più di servizio e scoprendo quella più significativa, ovvero il mondo del pizzaiolo e del nuovo forno Moretti Neapolis dal design innovativo. Sul fronte speculare c’è il grande spazio dell’accoglienza e della convivialità:  un grande bancone/scultura in ferro grezzo è l’elemento centrale del servizio al banco dove domina una splendida affettatrice Berkel; la grande parete rosso scuro del retrobanco è arricchita da una composizione di splendide mattonelline in cotto artigianale smaltato sempre sui toni caldi dei rossi, mentre, a lato, domina la parete coi taglieri antichi appesi al muro.

Il banco e il mensolone in ferro dell’ingresso ad altezze moderate sottolineano la volontà di creare un ambiente intimo, informale, dove appoggiarsi, mangiare, prendere un aperitivo al volo o un tagliere, magari mentre si aspetta una pizza. Sulle mensole in ferro sostenute da tubolari quadri verranno esposti i prodotti e le materie prime di altissima qualità selezionati dai gestori.

Ma la vera sorpresa è la sala storica delle volte a crociera in mattoni, un tesoro nascosto che solo salendo i tre gradini che separano le due sale sarà possibile scoprire. Le bellissime volte custodite gelosamente nel tempo, sono arricchite da un nuovo spirito di libertà che aleggia e caratterizza tutto il nuovo locale: 30 lampade a cono nere opache fluttuano libere nello spazio generando spazi di gradevole convivialità e i cavi tesi sfiorano le volte e tracciano percorsi visivi ai quali si ricollega la splendida grafica coordinata creata appositamente dall’artista francese Hélène Valverde.

Per finire, un bellissimo pavimento stonalizzato in microcemento grigio caldo lega tutti gli ambienti unificandone l’immagine generale.

Categorie
Hotel-Commercio  , Interni  
Comune
Ancona
Committente
Morini&DeIure srl
Programma

Riqualificazione di un locale nel centro storico di Ancona


Dimensioni
118 mq
Cronologia
2019-2020