Come è noto, in Italia i casi  di edifici progettati e realizzati ex-novo per  funzioni museali sono rarissimi, essendo in assoluta maggioranza i musei ospitati in edifici storici, spesso di rilievo  monumentale. Progettare il riallestimento di raccolte in un contenitore storico non  significa soltanto provvedere a una  semplice riorganizza- zione del materiale esistente negli  spazi disponibili, ma  piuttosto ripensare il museo nella  sua  totalità, proporsi l’obiettivo di una  sua  autentica rifondazione. Questo può avvenire solo  sulla  base di un  progetto culturale, perché è sotto  il profilo scientifi- co e culturale che si giocano le sorti  futurE di un  museo; in questo senso il polo Mu- seale  è pensato come strumento didattico e formativo. Poiché carattere precipuo del museo è la “sottrazione” delle  opere dal contesto originario e la loro  “selezione” in un  nuovo contesto relazionale, il “museo- istituto”  è una  “parzialità istituita”,  di entità minoritaria rispetto al patrimonio conserva- to,  il “museo diffuso”. Il museo si assume, peranto, il ruolo di centro di attività  per la conoscenza e la promozione dei beni culturali nella  città  e nel suo  territorio. In questa prospettiva, allora, il prestigio della sede  (il Palazzo dei Priori)  nel luogo più emblematico del centro storico (la Piazza),  può nella  sua  evidenza assumere il valore simbolico di una  positiva dichiarazione di intenti.

Nella definizione degli  spazi  museali il nostro principio guida è stato  quello di cercare di porsi  “dalla  parte  del visitato- re”, guidandolo cioè attraverso gli spazi diversificati e complessi del Palazzo dei Priori  e delle  sue  collezioni, giocando sulla programmatica autonomia delle  differenti sezioni, in un  percorso che risulti piacevo- le, leggibile e ricco di “sorprese” spaziali e scenografiche.

Categorie
Cultura-Sport  , Restauro  
Comune
Fermo
Committente
Comune di Fermo
Programma

Concorso di progettazione per  la realizzazione di un polo museale unico presso il Palazzo dei Priori  di Fermo

Dimensioni
6.000 mq
Cronologia
2004